Il corto d’autore è sul palcoscenico di Capodarco

corto d'autore a CapodarcoC’è Capodarco Corto Film Festival ad animare l’estate. Sono previste nove serate di cinema, documentari e cortometraggi su temi sociali, per aumentare quella riflessione non sollecitata costantemente. La gustosa sorpresa arriva dagli straordinari abbinamenti con la squisita bontà dell’enogastronomia del territorio delle Marche. La kermesse culturale coinvolge persone e turisti fino a domenica 29 giugno 2014. È una splendida occasione per inaugurare l’estate sulla splendida terrazza sul mare della Comunità di Capodarco di Fermo. Il festival vuole essere un momento di svago e di riflessione sui temi sociali. Le persone sono speso distratte per inseguire i frenetici ritmi della vita. Queste manifestazioni divertenti a sfondo sociale sono pensate appositamente per conferire una maggiore consapevolezza. Nelle diverse serate che accompagnano Capodarco Corto Film Festival sono protagonisti, tra gli altri, i registi Daniele Gaglianone, Alessandro Rossetto e Daniele Segre. Non possono mancare lo sceneggiatore Stefano Rulli, il critico Dario Zonta, i giornalisti Giovanni Anversa e Daniela De Robert, l’autore e conduttore televisivo e radiofonico Andrea Pellizzari, il comico Giorgio Montanini e Simone Massi, uno dei più grandi illustratori e autori di cinema d’animazione. Sono di scena anche i cortometraggi finalisti dell’VIII edizione del premio L’Anello debole. Le opere cinematografiche sono presentate il 27 giugno nella “Notte dei corti”, con la maggior parte degli autori. Sono 23 opere audio e video selezionate da una giuria di qualità composta da 19 esperti, grazie alla loro capacità di raccontare il sociale e le problematiche ambientali con competenza, profondità e creatività. Nella mattinata del 28 giugno si ascoltano le finaliste audio grazie a un “Radio Bus” che condurrà i partecipanti in un piacevole tour attraverso le colline marchigiane. Nella serata del 28 giugno c’è la cerimonia di premiazione. Domenica 29 giugno, il concerto di Zibba conclude la XI festa della Comunità di Capodarco dedicata, quest’anno, quasi esclusivamente al cinema e al documentario sociale. Sfizioso, ricco e invitante è il programma delle degustazioni che concludono ogni serata, conseguenza della collaborazione che, da quest’anno, lega il festival a Tipicità. Durante la manifestazione è possibile gustare i prodotti di alcune delle migliori aziende enogastronomiche del territorio: formaggi, salumi, cioccolata, fritti, galantina, maccheroncini di Campofilone, pizza, vino e birra artigianale. «Il festival vuole dare spazio e diffondere – commenta il direttore artistico del premio, Andrea Pellizzari – le opere di autori che con impegno, coraggio e creatività raccontano la diversità. Credo fermamente che la diversità sia un elemento fondamentale dell’umanità. Il suo racconto passa attraverso la bellezza perche è un linguaggio universale. Per questo diventa fondamentale dare spazio agli anelli deboli, agli uomini che non hanno voce, alle storie che è difficile o scomodo raccontare».

Per ulteriori informazioni scrivere una mail a info@premioanellodebole.it

Francesco Fravolini

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>