Mansio, promuovere le straordinarie Terre di Veio

mansio - terre di veioMansio è il sistema integrato di accoglienza per i pellegrini. L’innovativo strumento dedicato all’ospitalità lungo la Via Francigena e alla promozione del territorio delle Terre di Veio, è promosso dal comune di Formello, a due passi da Roma. Mansio intende porre al centro dell’attenzione il pellegrino moderno e il viaggiatore che attraversano quel territorio, offrendo ospitalità e servizi, senza tralasciare la valorizzazione dei tesori culturali e paesaggistici di Formello, cuore del Parco Naturale Regionale di Veio, ultima tappa della Via Francigena prima dell’arrivo a Roma. C’è l’esigenza di integrare il modello di accoglienza e di promozione turistica, avviato attraverso la sistemazione del percorso con circa 10 chilometri di itinerario inaugurato nel 2010. Il nuovo modello offre interessanti occasioni di promozione turistica come la consegna delle credenziali al pellegrino, la possibilità di dormire presso l’Ostello della Gioventù Maripara, senza tralasciare l’opportunità di usufruire di menu pellegrini. Il progetto Mansio, l’accoglienza per il turismo consapevole, è stato promosso dalla Regione Lazio, mentre la progettazione è stata curata dall’Associazione Civita e dal Consorzio Stabile Glossa. L’interessante iniziativa rappresenta un’opportuna valorizzazione del territorio e della promozione della cultura della regione. È un valido strumento che dovrebbe essere applicato nelle diverse particolarità territoriali italiane. Tutto ciò per favorire quella promozione turistica del Bel Paese, dove il patrimonio artistico e culturale rappresenta l’identità della nazione. C’è la necessità di presentare all’estero la cultura italiana per agevolare il turismo, volano economico dell’Italia. Un pizzico di nazionalismo non guasta, specie se rivolto alle nuove generazioni, al fine di maturare quel sano interesse nei confronti della cultura e della storia della propria nazione. Dal carattere fortemente tecnologico, il progetto prevede, all’interno del Palazzo Chigi di Formello, la realizzazione di un centro info-documentale che raccoglie ed elabora informazioni e dati sul patrimonio culturale e paesaggistico del territorio veientano, consentendo una accurata consultazione. Alcuni pannelli interattivi (in italiano, inglese, francese), collocati all’interno dell’Infopoint, divulgano informazioni culturali e storiche, comprese le notizie sul territorio. C’è una sezione specificatamente dedicata alla Via Francigena, con eventi in corso e futuri, oltre a un ricco apparato iconografico. Non può mancare un’applicazione multimediale (in italiano e in inglese), denominata il Viario, dove è possibile registrare brevi video-messaggi con cui raccontare il cammino intrapreso o trasferire una emozione o una riflessione. All’interno della Torre di Palazzo Chigi è stato allestito un percorso emozionale, audiovisivo e materico, sulla Via Francigena e su Formello. Curato dall’architetto Sandro Polci, sarà periodicamente innovabile, secondo un principio di condivisione creativa. Il percorso emozionale si snoda lungo i gradini della grande scala sospesa, già realizzata in cristallo e acciaio: gradini che diventano tappe simboliche del cammino, fino alla cima della torre, raffigurazione simbolica dell’arrivo a Roma. Completa l’offerta di promozione turistica e culturale il sito web Terre di Veio (in italiano, inglese, francese e on-line all’indirizzo www.terrediveio.eu) da cui è possibile scaricare, oltre alle tipologie di contenuti presenti nei pannelli interattivi, informazioni su prodotti tipici e produzioni artigianali, compresi i servizi presenti sul territorio (strutture ricettive e ristorative, servizi di trasporto pubblico). È possibile accedere alla banca dati del centro info-documentale. L’apertura di Mansio è un chiaro impegno verso pellegrini e turisti, senza dimenticare gli utenti del territorio. Questo progetto di promozione culturale garantisce un turismo consapevole, sia in termini di qualità dell’ospitalità sia di completezza informativa.

Francesco Fravolini

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>