Bologna, raccolta fondi per Un Passo per San Luca

arte a bolognaOgni anno, in occasione di Arte Fiera, la manifestazione di arte contemporanea a Bologna, partono nello spazio espositivo e nel salone di parrucchieri Orea Malià diverse iniziative e meravigliose incursioni urbane dove protagoniste, per l’edizione 2014 di Art City White Night, sono le riproduzioni di animali in plastica riciclabile in multicolor, realizzate dal collettivo di artisti Craking Art Gruop. Dopo le 500 rane in plastica rigenerata, messe a disposizione in occasione della campagna di crowdfunding Un passo per San Luca, per il restauro del portico di San Luca, le creature prodotte in vent’anni di lavoro dal collettivo (chiocciole, tartarughe, coccodrilli, delfini, suricati e, ovviamete, rane) arrivano in città, esposte, per la prima volta, in un allestimento aereo che coinvolge i locali interni di Orea Malià compresa la lunga pensilina esterna, affacciata su via Ugo Bassi e via Nazario Sauro. Un’iniziativa per lasciare un segno creativo sul territorio metropolitano in favore di un approccio all’ambiente eticamente responsabile, capace di focalizzare l’attenzione e la volontà di salvaguardare l’arte e i valori storici del patrimonio artistico italiano che Cracking Art porta avanti attraverso la formula “l’arte rigenera l’arte”. Una nuova tappa, dunque, che invade Bologna con “Next Level: Antologica Cracking Art in Technicolor”, un’esposizione da vedere fino al 29 marzo 2014 (dal martedì al sabato dalle ore 9,30 alle 18), realizzata in collaborazione con la Collezione Rosini-Gutman. Un’opportunità per la città di Bologna e per i suoi cittadini, che per salvare il portico più lungo al mondo, hanno già acquistato 300 rane galvaniche. E così, queste divertenti sculture urbane, che da filo conduttore per l’elettricità sono diventate un convoglio della vita cittadina, contribuiscono alla rigenerazione urbana in quei luoghi di passaggio quotidiano, omaggiando la città e una sua memorabile personalità. Proprio in quest’ottica tutti gli animali di questo progetto di arte contemporanea e di arte sociale arrivano in centro, per un lungo periodo di esposizione, al fine di sottolineare l’importanza di legare l’arte di oggi a iniziative che possano tutelare quella di ieri. Una mostra sul futuro, dunque, con un richiamo al passato, scegliendo una modalità espressiva che si esprime per azioni performative coinvolgenti, in cui animali colorati e decisamente fuori scala invadono i luoghi più vari, da quelli deputati all’arte a quelli della vita più quotidiana. Le rane galvaniche sono a disposizione su www.unpassopersanluca.it e possono essere ritirate, una volta effettuata la donazione, da zoo in Strada Maggiore 50/a a Bologna.

Viviana Dasara

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>