La sala Panel di Frosinone valorizza l’olio del Lazio

panel frosinone - olioC’è un evento importante per la gastronomia italiana del Lazio. La prima sala Panel di Frosinone apre i battenti, venerdì 20 settembre 2013 alle 11,30, con una cerimonia ufficiale che si svolgerà al numero 461 di via Marittima. È un momento fondamentale al fine di valorizzare il patrimonio italiano dell’olio. Non può mancare l’intervento di Antonio Lancia, presidente Aspol di Frosinone, con il quale presenta il gruppo di venti assaggiatori ufficiali di olio che compongono il Panel. È un gruppo di persone che hanno superato l’esame per l’idoneità fisiologica e che, dopo due anni di formazione con test finale, sono state iscritte nell’elenco ufficiale degli assaggiatori. Il Panel, riconosciuto dal Ministero, è allenato e preparato all’assaggio degli oli vergini di oliva con il compito di valutare e di certificare le caratteristiche organolettiche: sapore, colore, odore e aspetto. Il Panel è l’unico organismo del territorio in grado di dare la certificazione Dop ai produttori del territorio che ne fanno richiesta. La certificazione serve a garantire la genuinità del prodotto, specie quando i produttori intendono lavorare con l’estero. È un’attestazione fondamentale per alimentare l’economia del territorio. È bene ricordare che l’olio, al pari del vino, è un sicuro volano dell’economia italiana, capace di contribuire, in maniera determinante, alla crescita del Paese. L’olio fa parte della gastronomia italiana, rappresentando all’estero le diverse eccellenze del prodotto. La valenza culturale ed economica dell’iniziativa dedicata all’olio diventa un’autentica occasione per discutere sull’argomento. È in programma, prima della cerimonia d’inaugurazione, un attento dibattito sul significato della presenza del Panel a Frosinone, con la conseguente importanza di produrre un olio di qualità, capace di dare beneficio alla nostra salute. Tutto ciò serve a ottenere l’esaltazione più pregevole dei sapori. Gli assaggiatori di olio confluiti nel Panel ufficiale svolgono un importante compito di selezione degli oli, senza tralasciare l’educazione del territorio alla comprensione delle virtù del principe della tavola. È un vero e proprio principe che spesso viene bistrattato e relegato ai margini della nostra dieta mediterranea. Il Panel interviene valorizzando l’olio a partire dal raccolto fino alla tavola. I produttori spesso compiono degli errori già nella fase di raccolta e di stoccaggio delle olive. È proprio per questo motivo che, sovente, l’olio risulta “difettato”. Tutto ciò deriva da una mentalità troppo connessa alla tradizione, la quale stabilisce principi, spesso lontani, dalle corrette modalità di esecuzione della raccolta, dello stoccaggio e della produzione di olio. Il Panel vuole intervenire correggendo luoghi comuni e sfatando i miti della tradizione. La sala Panel è ubicata nella sede di Innova (l’azienda speciale della Camera di Commercio) grazie alla concessione offerta dal Presidente Pigliacelli. È il Presidente a essere impegnato, in prima linea, per far decollare la sala Panel, favorendo una grande opportunità di crescita per il settore oleario della provincia. Il taglio del nastro sarà effettuato dall’Assessore regionale allAgricoltura, Caccia e Pesca, Sonia Ricci. «La sala Panel – afferma il Presidente Aspol, Antonio Lancia – rappresenta, per l’Aspol, un traguardo importante per l’impegno speso nella realizzazione di un progetto finanziato dall’Europa. C’è da sottolineare l’aspetto della formazione del gruppo di assaggiatori e l’inizio di un lavoro di divulgazione della cultura dell’olio in sinergia con altre associazioni, comprese le scuole e tutto il mondo agricolo».

Francesco Fravolini

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>