Quel marchio tipico della terra di Romagna

savori - romagnaÈ una ricchezza unica in Italia, dove l’enogastronomia è l’indiscussa protagonista delle scelte economiche del Paese. La terra di Romagna annovera molti prodotti tipici, senza tralasciare il vero patrimonio enogastronomico, inevitabile conseguenza di storia, tradizione e cultura, capaci di raggiungere quel giusto equilibrio tra sapore, qualità e genuinità. L’Arca dei Savori nasce nel 2001, momento storico nel quale il comune di Brisighella, in provincia di Ravenna, cercò di seguire gli obiettivi del progetto di SlowFood dell’Arca del Gusto, per la tutela dei prodotti tipici. Nelle edizioni successive l’evento si è caratterizzato diventando l’Arca dei Savori, termine che riconduce ai sapori antichi e alla cucina popolare. Savori ricorre nei testi di cucina medievali ed è anche una libera traduzione del termine dialettale romagnolo Savur, il quale ricorda i sapori semplici e autentici della cucina contadina. Giunta alla 13a edizione, l’Arca dei Savori 2013 si intitola “Impronte sulla Terra”, in programma dal 22 e al 25 agosto, proponendo un colmo menu di gusti e di sapori. Non possono mancare cene e degustazioni a tema, mercato del contadino e mercato artigianale degli antichi mestieri, musica e balli popolari. Sabato 24 si svolge il tradizionale appuntamento itinerante alla scoperta di alcune aziende agricole, compresi i loro prodotti, del territorio delle Terre di Faenza. Tutto comincia giovedì 22 agosto dalle ore 19 con cibo e vino da strada. Protagonisti della serata saranno la Razza Bovina Romagnola e il Sangiovese di Romagna Doc. Nella piazza gli stand gastronomici, la musica e i balli popolari. Venerdì 23 agosto dalle ore 19 sono protagonisti gli antichi mestieri. Saranno presenti artigiani, contadini e le “Azdore” (massaie) romagnole che proporranno la scuola di cucina e di economia domestica. Nella piazza musica e balli popolari. Sabato 24 agosto c’è l’arca nelle aziende agricole del faentino. Un itinerario per scoprire e riscoprire tradizioni e gusti direttamente nelle case dei contadini, a partire dal tardo pomeriggio. Le aziende coinvolte, aderenti all’Associazione “Il lavoro dei Contadini”, sono “Spaderna” di Oriolo dei Fichi, Tenuta Nasano di Riolo Terme, Corte dei Mori di Brisighella, La Pace di Monte Canneto di Fognano, Rio Manzolo di Brisighella. Contestualmente a Brisighella, in piazza Carducci, si svolge la “Frusta d’Oro”, tradizionale gara tra i migliori “schioccatori” di frusta della Romagna. Domenica 25 agosto dalle ore 19 c’è cibo e parola: il lavoro dei contadini, al Convitto Emiliani di Fognano, con la partecipazione del Gruppo 77. Sono tutti momenti da vivere in prima persona per conoscere le tradizioni di un territorio, esaltando l’importanza di quelle antiche usanze della località.

Francesco Fravolini

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>