Il gioco e la cultura nell’arte di Giuliano Giuggioli

I Saggi“Cronache senza tempo” è il titolo della mostra di Giuliano Giuggioli che rimarrà esposta presso la Cantina dell’Acquagiusta, nella Tenuta La Badiola a Castiglione della Pescaia, fino al 25 luglio 2013. L’esposizione fa parte di un progetto realizzato in collaborazione con la Fondazione Grosseto Cultura, il Comune di Castiglione della Pescaia, in provincia di Grosseto, e il Gruppo Terra Moretti, proprietario della tenuta la Badiola. L’iniziativa culturale intende far conoscere al pubblico l’opera di artisti che hanno un forte legame con la Toscana, trovando in questa terra radici e ispirazione. «Se davvero le arti visive e in particolare la pittura – commenta l’artista Giuliano Giuggioli – hanno la facoltà di evocare e dare una parvenza di concretezza a mondi ulteriori rispetto al mondo reale, dominati dalle leggi effimere e allo stesso tempo stringenti e inderogabili e dell’invenzione, la mostra è un sano tentativo che persegue questa direzione». L’artista vuole sensibilizzare l’opinione pubblica sulla grande valenza della pittura, capace di coinvolgere le persone verso emozioni opportune con un particolare focus dedicato all’osservazione dei fatti di cronaca. «Potrei affermare che tutta la mia ricerca artistica, ricerca che questa mostra sunteggia efficacemente, procede in tal senso. Come il titolo evidenzia, del mondo fantastico allestito dalla mia immaginazione, mi trovo – prosegue Giuggioli – a essere quotidianamente, oltre che l’ideatore, anche il primo osservatore e, attraverso la pittura, il cronista. Grazie ai poteri della fantasia, persino cronaca, forma del discorso fatalmente legata all’accadere delle cose, può liberarsi dei vincoli con il tempo o almeno definirne di propri, capaci di catturare e mettere in contatto durate estranee e incommensurabili della realtà. Il visitatore si troverà di fronte agli episodi, agli aneddoti, ai frammenti di questa cronaca immaginaria in cui il tempo, interrotto il suo moto implacabile, si fa supporto concettuale per una riflessione visiva che si rivolge e si interroga su ciò che sta oltre l’apparenza delle cose. L’auspicio è che l’osservatore, confrontandosi con il gioco di rimandi, suggestioni, paradossi ed emozioni che hanno guidato la mia fantasia, possa appassionarsi e divertirsi, al fine di trovare degli stimoli utili a intraprendere un proprio percorso di ricerca attraverso l’immaginazione». Giuliano Giuggioli è nato a Vetulonia, antica città etrusca, mentre la sua formazione è da autodidatta. Nella mostra “Cronache senza tempo” i veri protagonisti sono il gioco, la fantasia, il sogno, tutti elementi sempre presenti nelle opere di Giuggioli attraverso cui l’artista induce a riflettere sul senso profondo della vita. È una vita in cui l’uomo ha una sua autonomia ma nella quale esiste comunque un ‘disegno’ che va al di là della volontà dell’uomo, di cui l’uomo fa parte. È bene ricordare che dal 3 al 13 agosto 2013 “Cronache senza tempo” si sposterà alla Pinacoteca Civica di Follonica, mentre dal 1° agosto al 24 ottobre 2013, la Cantina dell’Acquagiusta ospiterà la rassegna “Leonardo da Vinci: un genio di … cuoco”, dove Leonardo da Vinci, il più grande genio artistico d’Italia, sarà raccontato da Elisabetta Del Dottore partendo da una prospettiva inedita, nella quale il cibo diventa protagonista de “L’Ultima Cena”.

Luisa Rosini

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>