Trasimeno Musica Festival è protagonista in Umbria

festival - trasimenoSono le suggestive cornici del Castello del Sovrano Militare Ordine di Malta a Magione, dell’Abbazia di San Pietro a Perugia e della Chiesa di San Domenico a Gubbio a ospitare l’edizione del Trasimeno Music Festival. La kermesse, in programma dal 29 giugno al 5 luglio 2013, è organizzata dall’omonima associazione, in collaborazione con il Comune di Magione e con la direzione artistica della pianista canadese Angela Hewitt. Per questa edizione Angela Hewitt ha invitato l’Orchestra della Toscana diretta da Hannu Lintu, il soprano Barbara Hannigan, la violinista Chloë Hanslip, il clarinettista Mark Simpson, il violoncellista Oliver Coates, il Mandelring Quartet, lo scrittore Julian Barnes e il compositore Michael Berkeley. L’originalità del festival è nel promuovere un dialogo costruttivo tra musicisti di grande prestigio e giovani di talento, in un’atmosfera serena, apprezzata dagli attenti spettatori provenienti da tutto il mondo. Il 3 luglio è presente, per una serata di musica e parole, il pluripremiato scrittore britannico Julian Barnes, vincitore del Man Booker Prize 2011 con il romanzo Il senso di una fine. Nella stessa serata, per la prima volta in assoluto, il Trasimeno Music Festival ha una prima mondiale di un nuovo lavoro, perché Angela Hewitt ha commissionato al compositore britannico Michael Berkeley Three Cabaret Songs, su testi del celebrato scrittore Ian McEwan. Il Festival si apre al Castello dei Cavalieri di Malta a Magione il 29 giugno, con un recital dedicato a Schubert, Beethoven, Ravel, Liszt, e proposto dal direttore artistico, Angela Hewitt. Rinomata per le sue performance in tutto il mondo, l’artista propone sempre programmi che mettono in risalto la sua grande versatilità al pianoforte. Nel concerto presenta Valses Nobles di Schubert e Valses Nobles et sentimentales di Ravel, la penultima sonata di Beethoven (Op. 110) e uno dei più grandi capolavori di tutti i tempi, la Sonata in Si minore di Franz Liszt. Le esibizioni del 30 giugno e del 1° luglio sono caratterizzate dalla presenza dell’Orchestra della Toscana alla loro seconda apparizione al Trasimeno Music Festival, dopo aver deliziato ed entusiasmato il pubblico lo scorso anno. Il direttore d’orchestra, il finlandese Hannu Lintu, direttore della Finnish Radio Symphony Orchestra, torna a condurre entrambi i concerti. Il primo è interamente dedicato a Beethoven e si svolge nella Chiesa di San Domenico a Gubbio il 30 giugno dove, proponendo il Concerto per pianoforte n. 2 in Si bemolle maggiore, Angela Hewitt completa il suo ciclo di Concerti di Beethoven. Il Maestro Lintu guida l’Orchestra in una entusiasmante e avvincente interpretazione della maestosa Quinta Sinfonia di Beethoven. Nel concerto del 1° luglio, nella Basilica di San Pietro a Perugia, l’Orchestra esegue tre opere con vari solisti: Les Illuminations di Benjamin Britten, con il soprano canadese Barbara Hannigan; il Concerto per pianoforte No. 22, K. 482 di Mozart, con Angela Hewitt e, per finire, il Concerto per violino di Tchaikovsky con la giovane violinista inglese Chloë Hanslip. Barbara Hannigan è il soprano del momento, avendo ricevuto recentemente critiche entusiastiche per la sua interpretazione nei più importanti teatri d’opera di Berlino, Londra e Bruxelles. Chloë Hanslip ha debuttato nei BBC Proms quando aveva solo quindici anni e da allora è cominciata la sua prestigiosa carriera, con le sue performance che affascinano il pubblico di tutto il mondo. Il 2 luglio, Angela Hewitt e Chloë Hanslip si esibiscono insieme nella prima parte del concerto, interpretando le Sonate per violino e pianoforte di Bach e Beethoven. La seconda, è dedicata a un singolo lavoro: il Quatuor pour la fin du temps del compositore francese Olivier Messiaen. Scritto per pianoforte, violino, clarinetto e violoncello, Messiaen lo compose nel 1941 quando era prigioniero di guerra e la prima assoluta fu data, da lui stesso, insieme ad altri tre reclusi dello stesso campo di prigionia. Per questo concerto, Angela Hewitt e Chloë Hanslip si presentano insieme a due giovani musicisti britannici ricchi di talento: il clarinettista Mark Simpson (vincitore del premio Giovane Musicista 2006 per la BBC) e il violoncellista Oliver Coates (vincitore del premio Giovane Artista 2011 per la Royal Philharmonic Society). Il 4 luglio, il Mandelring Quartet, uno dei quartetti d’archi più qualificati al mondo, esegue opere di Mendelssohn e Debussy. Vincitori di molti dei più importanti concorsi, (Monaco di Baviera, Evian, Reggio Emilia), la formazione tedesca si esibisce in tutto il mondo, con particolare frequentazione al Festival di Salisburgo e alla Philharmonie di Berlino. Nella prima metà del concerto è affiancato dal clarinettista Mark Simpson per la presentazione del famoso Quintetto per clarinetto e archi di Mozart. Il 5 luglio c’è il concerto finale del Trasimeno Music Festival. Per la prima volta in assoluto, Angela Hewitt si esibisce nell’ultimo capolavoro di Bach, l’integrale dell’Arte della Fuga in un unico recital, senza intervallo. Pochi pianisti al mondo osano proporre in pubblico questo complesso lavoro, considerato come una delle più importanti composizioni di sempre di Bach concepita per strumenti a tastiera.

Francesco Fravolini

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>