Italia e Cina favoriscono l’economia e la cultura

accordo cina - italiaC’è un’intesa per rilanciare l’economia e la cultura dell’Italia e della Cina. La grande ricchezza economica della Penisola, rappresentata dal suo patrimonio artistico e culturale, può essere un autentico volano economico per aumentare i rapporti culturali ed economici con la Cina. È uno scambio bilaterale capace di accrescere le occasioni economiche delle due nazioni. Tutto comincia con una forte azione di promozione economica tramutandosi in autentica occasione per favorire e incrementare gli accordi commerciali, coinvolgendo particolarità squisitamente culturali da esaltare e da valorizzare. È stato siglato, sabato 22 giugno 2013, il protocollo ufficiale fra CPAFFC e ICFA, alla presenza del Vice Presidente di CPAFFC, Li Jianping, accompagnato da una delegazione cinese in rappresentanza di 13 Province della Cina: Pechino, Shanghai, Sichuan, Hunan, Henan, Zhejiang, Jiling, Neimenggu, Hainan, Qinghai, Gansu, Shaanxi, Guangdong. La delegazione, composta da 39 rappresentanti delle autorità politiche e istituzionali cinesi, 11 imprenditori di settori diversi e giornalisti dei più importanti media, interviene su diversi settori economici dei due Paesi. Ad agevolare l’obiettivo economico e culturale è la nascita di Italy China Friendship Association, presieduta da Irene Pivetti. Italy China Friendship Association (ICFA) è il ramo italiano della Chinese People’s Association for Friendship with Foreign Countries (CPAFFC), una delle associazioni diplomatiche più antiche in Cina, impegnate a intrattenere rapporti con i popoli esteri. L’organizzazione sviluppa e consolida l’amicizia, la promozione delle cooperazioni internazionali, salvaguardando la pace mondiale e incentivando lo sviluppo comune. La CPAFFC, nata nel 1954, ha stretto amicizia con 47 nazioni del mondo. Quest’anno è arrivato il momento dell’Italia. «Sono andata in Cina – commenta Irene Pivetti – durante un’occasione privata e ho potuto ammirare la straordinaria volontà di un popolo che vuole migliorare la sua economia, senza perdere tempo. Questo accordo deve essere un’occasione per fissare, in modo duraturo, anche i rapporti di amicizia tra Italia e Cina perché solo mediante un costante lavoro di reciproca stima, è possibile raggiungere intese commerciali e culturali di notevole interesse per entrambe le nazioni. È necessario lavorare con uno spirito costruttivo e di reciproca armonia per raggiungere obiettivi ambiziosi e per consolidare scambi sociali di vera e autentica amicizia». L’accordo è la conclusione di un viaggio istituzionale che porterà la delegazione in Lombardia, Toscana, Lazio, Sardegna, dove incontra politici, rappresentanti istituzionali, imprenditori italiani, per avviare progetti di collaborazioni future. Sono particolarmente rilevanti i meeting previsti presso la Regione Lombardia, la Provincia di Milano, l’ICE, Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, la Regione Lazio. Nel corso dei colloqui saranno firmati protocolli d’intesa con l’obiettivo di incentivare gli scambi economici e culturali tra Italia e Cina. Grande attenzione è dedicata alla promozione dei gemellaggi tra le città italiane e cinesi come segno di amicizia tra i nostri popoli, senza dimenticare la straordinaria opportunità di promozione turistica e di sviluppo economico dei territori del Bel Paese.

Francesco Fravolini

Share

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>